Dema goes Creative Commons

8 Apr

E’ veramente da un po’ che ci sto pensando.

Le recenti vicende legate alla presunta infrazione di proprietà intellettuale di Crocs INC e la conseguente disavventura giudiziaria ancora in essere , mi ha fatto pensare che l’attuale schema di licenze nel mercato calzaturiero è assolutamente fuori strada.

Come ben sapete metà della mia vita è la rete e le sue dinamiche e abitando questo spazio meraviglioso , ho abbracciato la filosofia CreativeCommons e GPL per quanto riguarda i miei articoli tecnici e ogni mio post pubblicato.

Mi sono quindi chiesto se la licenza CC possa venir applicata anche al mondo della calzatura , e quali benefici possa apportare.

Dal brief sheet di Creative Commons si apprende che

With Creative Commons licenses, you keep your copyright but
share your creativity. CC licenses allow others to copy and
distribute your work, provided they give you credit and follow
the conditions you specify. CC licenses are a great choice for
musicians who want to encourage fans to remix their songs,
scientists who want to ensure their research is freely available,
and any other creator who would like to share their work while
still retaining some rights.

Lo schema di licenze CreativeCommons si snoda attraverso quattro diverse clausole:

  1. Attribuzione
  2. Divieto di uso commerciale
  3. Niente opere derivate
  4. Condividi allo stesso modo.

Queste 4 clausole possono venir combinate tra loro , unendo fino ad altri due elementi , generando alla fine sei diversi tipi di licenze:

  1. Attribuzione
  2. Attribuzione + divieto di uso commerciale
  3. Attribuzione + niente opere derivate
  4. Attribuzione + condividi allo stesso modo
  5. Attribuzione + niente opere derivate + divieto di uso commerciale
  6. Attribuzione + condividi allo stesso modo + divieto di uso commerciale

La licenza che vorremmo utilizzare qui in Dema è la 4 ossia Creative Commons Attribution Share Alike 3.0

Io creo un modello , una stampa , un’applicazione per una calzatura e tu sei libero di riprodurla integralmente o modificarla , sia per scopi commerciali , sia senza alcun scopo di lucro . Unica condizione vincolante è che tu debba citare l’autore dell’opera originale e che tu debba ridistribuire il prodotto sotto la stessa licenza.

Interessante vero ? Nel mondo della musica , dell’editoria , della scienza e del software , questo schema di licenze ha generato contenuti interessanti e liberi .

Il panorama delle calzature potrebbe godere di tutto questo , creando dei remix e apportando valore aggiunto a modelli già validi.

Che ne pensate ?

Per approfondire CreativeCommons su Wikipedia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: